Il Responsabile per la Prevenzione della Corruzione: attore del sistema di controllo interno

Il Responsabile per la Prevenzione della Corruzione: attore del sistema di controllo interno

Il Responsabile per la Prevenzione della Corruzione: attore del sistema di controllo interno


Ricerca condotta da Protiviti e Lattanzio


Protiviti, Lattanzio Audit & Risk Management e My Governance sono stati Partner di una conferenza organizzata il 17 maggio 2018 da AITRA (Associazione Italiana Trasparenza e Anticorruzione) dedicata al ruolo del Responsabile della Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza (RPTC). Durante l’incontro è stato analizzato come Enti e Società abbiano declinato il ruolo del RPCT dall’entrata in vigore della Legge 190/2012.
Alessandro Cencioni, Managing Director Protiviti, ha presentato i risultati della ricerca sull’attribuzione del ruolo nei diversi contesti pubblici.
A circa 6 anni dall’introduzione della Legge 190/2012, modificata dal D. Lgs. 97/2016, la figura del Responsabile per la Prevenzione della Corruzione si è ormai consolidata nelle strutture organizzative degli enti.

Protiviti ha pertanto ritenuto di realizzare un’analisi con l’obiettivo di effettuare una ricognizione sulle modalità attraverso le quali gli Enti/aziende hanno declinato il ruolo del Responsabile per la Prevenzione della Corruzione all’interno delle organizzazioni, e fornire possibili ulteriori spunti di riflessione rispetto ai rilievi emersi dalle analisi condotte dall’Autorità Nazionale AntiCorruzione (ANAC) sul livello di adempimento alla Legge da parte delle amministrazioni.

Tale analisi è stata condotta su un campione di 100 Enti/Aziende/Pubbliche Amministrazioni centrali e periferiche rientranti nel perimetro di applicabilità della normativa, mediante l’analisi della documentazione disponibile sui siti istituzionali.

Il presente documento ne riporta i principali risultati e fornisce alcuni spunti interpretativi delle risposte ottenute.

 

Scarica il documento 

 

Ready to work with us?